Amicizia e amore

Amicizia e amore

Amicizia, amore e innamoramento

Amicizia e amore nascono sulla stessa radice emozionale. Difficile che l'amicizia si instauri dove non c'è un flusso di emozioni fra due persone, come anche fra un uomo ed un animale. La profonda amicizia che lega spesso un uomo ad un cane ci insegna quanto poco di intellettuale ci sia nell'amicizia e quanto invece l'amicizia sia un autentico sentimento. Si può perciò ragionare di amicizia ponendola a confronto con altre due importanti emozioni nelle relazioni umane: l'innamoramento e l'amore.

L'innamoramento

L'innamoramento, nello stadio iniziale, è passione e perciò talvolta porta sofferenza. Questo perché l'innamoramento nasce nella mente dell'innamorato, senza reciprocità, senza la minima certezza che l'innamoramento possa essere ricambiato. L'innamoramento porta ad idealizzare la persona amata sebbene tutto ciò, all'inizio, rimanga un sentimento che l'innamorato elabora in intimità, da solo. 
L'amore non corrisposto o meglio, l'innamorato non ricambiato deve compiere un lavoro faticoso su se stesso per liberarsi da quell'innamoramento: uno sforzo simile a quello conosciuto da chi si ritrova ad elaborare un lutto. 

Secondo Francesco Alberoni (autore di "Innamoramento e Amore"), che ha in più occasioni trattato di innamoramento, amicizia e amore, l'amicizia ha invece orrore della sofferenza, la evita. Alberoni prima mette sullo stesso piano amicizia e amore (non innamoramento), poi sostiene che nell'amicizia non possa trovar spazio la sofferenza.

L'amicizia, a differenza dell'innamoramento non si vive in solitudine. Difficile immaginare un'amicizia che nasca come passione individuale: sarebbe certamente un innamoramento. Ma così come l'amore può causare sofferenza nel momento in cui una coppia dovesse separarsi, anche nell'amicizia, secondo me, può accadere la stessa cosa: si può soffrire per un'amicizia persa. Probabilmente il punto sta nel definire cosa sia davvero una autentica amicizia.

L'amicizia

Sin dalle antichità il tema dell'amicizia ha ispirato molti pensatori. Ci sono diverse concezioni d'amicizia e ancora oggi ci sono nuclei sociali dove è più facile instaurare profonde relazioni di amicizia.

Secondo me amicizia e amore sono molto più affini di quanto si possa pensare. Per dimostrare questa mia opinione voglio partire da alcune definizioni di amicizia.

"l'amicizia è una relazione alla pari, fondata sulla stima reciproca, sulla disponibilità e sul rispetto". 
Ci sembra adeguata e completa quasta definizione? Direi di no! A ben guardare questa è la definizione di "conoscenza". Stimare, essere disponibili e rispettare credo siano i presupposti per una vita di relazione pacifica con chiunque. L'amicizia è altro.

"L'amicizia facilita la confidenza; ci si può fidare dell'amico". 
Ma la confidenza nasce anche tra fratelli, e non sempre, invece, ci confidiamo con persone che riteniamo amiche.

L'amicizia deve comportare qualcosa di più: un sentimento.

L'amicizia è desiderare la compagnia di quella persona; desiderare uno scambio di attenzioni con quella persona; desiderare insomma il bene di quella persona.

Ecco perché è plausibile accostarla all'amore, ed ecco perché l'amicizia è emozione, tanto da farci soffrire quando viene a mancare.

L'amicizia non nasce con un innamoramento, ed è questo che la fa apparire meno "emozionale". Ma si sviluppa in modo molto simile all'amore. Come sostiene Alberoni l'innamorato all'inizio soffre sempre; e spesso, purtroppo, tutto finisce lì. L'amicizia è invece più semplice all'inizio, ma perdere un amico è come perdere un amore!