Semicroma o sedicesimo

Semicroma o sedicesimo

La semicroma 

Siamo giunti al capitolo dedicato ai fatidici sedicesimiLe due righe spesse e nere che raggruppano di quattro in quattro i sedicesimi hanno sempre destato un po' di apprensione. Per tutti i musicisti alle prime armi, i sedicesimi rappresentano motivo di preoccupazione, ma anche un traguardo. Sono i sedicesimi che fanno la stragrande maggioranza della musica "virtuosistica",  sebbene ci siano altre figure più piccole (i trentaduesimi, i sessantaquattresimi e persino i centoventottesimi); ma il vero virtuosismo da "formula 1" è quasi sempre scritto in sedicesimi. Tuttavia non ci si deve spaventare: si può andare a 30 all'ora anche in Ferrari. 

Il sedicesimo è la metà di un ottavo, quindi nello spazio di un ottavo stanno due sedicesimi. In un quarto ce ne stanno 4, in una metà 8 e in un intero 16. La sequenza dovrebbe essere ormai famigliare e nel complesso, una volta compresa la logica del "dimezzamento", si potrebbero tranquillamente introdurre in un colpo solo tutte le figure più piccole. 

semicroma o sedicesimo

I sedicesimi

Così come accade con l'ottavo, anche il sedicesimo può essere scritto con la classica virgola (doppia), oppure con due spesse linee di raggruppamento. Il raggruppamento classico dei sedicesimi viene fatto di quattro in quattro, ma sempre nel rispetto del ritmo della battuta. Come già detto a proposito degli ottavi, non si usa quasi mai collegare figure che appartengono a diversi tempi della battuta. Spiego meglio il concetto.

Raggruppamento di semicrome

Raggruppamenti di semicrome

Come abbiamo visto, ogni battuta (o misura) è caratterizzata da un ritmo. Il ritmo è identificato dalla frazione posta all'inizio del brano.

Tempo e Unità di tempo

Simbolo del Tempo e delle Unità di Tempo

Il numero sopra (il numeratore) indica la quantità di tempi o unità di tempo presenti in ciascuna battuta, mentre il numero sotto (il denominatore) indica invece la durata, espressa in figure musicali, di ogni singolo tempo o unità di tempo

In una battuta di 2 quarti ci sono due tempi ognuno lungo un quarto. Dire che i sedicesimi in una battuta di due quarti possono essere raggruppati solo nell'ambito di ciascun tempo equivale a dire che si possono raggruppare i primi quattro sedicesimi e poi il secondo gruppo di quattro sedicesimi, quattro per ogni tempo. 

Quartine di semicrome

Due quartine di sedicesimi

Ovviamente ci sono molte eccezioni: con le eccezioni, in musica si potrebbero riempire il quadruplo delle pagine dedicate alle teorie fondamentali! 

Pratica consuenta è anche unire ottavi a sedicesimi, sempre nell'ambito di ciascun tempo. 

Come si leggono i sedicesimi? Per ora ci limitiamo al leggere i sedicesimi collocati in battute con il quarto come unità di tempo. In una battuta di 2 quarti nello spazio di un ottavo (un battere o un levare) staranno due sedicesimi. Siccome abbiamo deciso nell'articolo precedente di non pronunciare più il nome delle note ma di adottare la tecnica del solfeggio ritmico, chiamando tutte le note Ta, ecco un esempio di solfeggio con sedicesimi (attenzione alla differenza fra il Ta di ottavo e il Ta di sedicesimo)

sedicesimi

Sedicesimi nella battuta di 2/4

L'importante è mantenere una lettura ritmica fluida, dove tutti i sedicesimi sono uguali. Dedicandovi a questo studio, potete rendervi conto di persona che in realtà i sedicesimi sono meno ostici di quanto si possa pensare. 


ESERCIZIO 1

Esercizio 1

Note per l'esercizio 1 

L'esercizio è dedicato ai sedicesimi. Le battute più impegnative potrebbero essere quelle della quinta e sesta riga, dove appaiono le pause di sedicesimo. Le pause di sedicesimo si solfeggiano come le pause di ottavo, cioè con "un".
Ricordo che, per favorire la concentrazione sulla lettura ritmica, abbiamo deciso di non pronunciare più i nomi delle note, solfeggiando con la tecnica del solfeggio ritmico: "ta ta ta....". 

etomase (non verificato)
Grazie dell'impegno messo nello scrivere questo blog. Sto provando da solo a concludere il programma di lettura ritmica (aasociato allo studio della chitarra fingerstyle) dato che non ho trovato un buon insegnante (mica mi aveva detto che bisogna contare 4 ogni battuta, ad esempio e che ci fosse un "battere" e un "levare"....vabbè..). Le spiegazioni sono chiarissime. Ora dovrò affrontare le legature, i punti di valore, le biscrome le duine e le terzine..... Mi ero scoraggiato parecchio, anche perchè sono sopraggiunti dei problemi economici in famiglia per cui ho dovuto rinunciare a cercare un altro maestro, ma sono sicuro che grazie al tuo lavoro pubblicato su questo blog riuscirò a continuare a studiare. Grazie ancora.
mariano (non verificato)
Ho 61 anni e adesso che sono in pensione mi sto dedicando allo studio della musica con la tastiera Yamaha DGX 520 che ho acquistato da un paio di mesi. Non conosco la musica, ma sto trovando eccezionali le vostre lezioni su come imparare a leggere la musica. A proposito di solfeggio ritmico, nell'articolo 12: i sedicesimi, ho trovato difficoltoso fare la differenza tra il TA di 1/8 e TA di 1/16 indicando con TA tutte le note risulta: TA A A A per la semibreve TA A per la minima TA per la semiminima non sarebbe opportuno per gli ottavi e per i sedicesimi adottare una dicitura del tipo: TI per la croma RI per per la semicroma per una cellula doppia (2/16) si leggerebbe TI TI per una cellul quadrupla (4/16) si leggerebbe TI RI Ho trovato queste indicazioni su una unità didattica di educazione musicale. Gradirei una risposta per evitare di commettere erori nella lettura Sarebbe inoltre interessante integrare le lezioni da poter ascoltare per avere un riscontro tra ciò che si legge e ciò che si suona. Complimenti e cordiali saluti

Aggiungi un commento